Avvocato Filippo De Luca - Patrocinante in Cassazione
 
 

Intercettazioni con ditte private sono nulle
News inserita il: 11/11/2009

Secondo la Cassazione (sentenza 887/2009) la Procura deve spiegare "la situazione obiettiva rilevante e riconducibile al concetto normativo di insufficienza e inidoneità degli impianti", cosa indispensabile per consentire a "chi ne ha titolo di impugnare la decisione e all'organo di valutazione l'attività di verifica". Ora sono a rischio moltissime indagini: in quasi nessun caso, nei decreti autorizzativi e di proroga, viene infatti motivato il ricorso ai privati, reso necessario dall'insufficienza degli apparati a disposizione di magistrati e forze dell'ordine. Tutto ciò causa ingenti spese, per le quali Palermo detiene il record nazionale, con una media di 46 milioni l'anno. Nei giorni scorsi la Direzione distrettuale antimafia di Palermo si è riunita per affrontare il problema: da ora poi dovranno essere redatte succinte motivazioni da allegare ai decreti di proroga da mandare ai giudici delle indagini preliminari. Ma rimangono a rischio le inchieste precedenti la decisione della Cassazione.