Avvocato Filippo De Luca - Patrocinante in Cassazione
 
 

Il 6 febbraio 2016 è entrato in vigore il cosiddetto “pacchetto depenalizzazioni” approvato con il decreto legislativo 15 gennaio 2016 n. 7 e con il decreto legislativo 15 gennaio 2016 n. 8.
News inserita il: 24/06/2016

Il 6 febbraio 2016 è entrato in vigore il cosiddettopacchetto depenalizzazioni” approvato con il decreto legislativo 15 gennaio 2016 n. 7 e con il decreto legislativo 15 gennaio 2016 n. 8.

Aseguito di tale modifica normativa, una serie di reati sono sati abrogati,quali ad esempio:

quellodi ingiuria , sottrazione di cosecomuni e falsità in scritturaprivata .

Infatti,il decreto legislativo n.7/2016 ha previstol'abrogazione di quegli illeciti penali che, ad avviso del legislatore,suscitassero nell’opinione pubblica un minor allarme sociale.

Invecedell’originaria sanzione penale è oggi prevista una sanzione pecuniaria civile congiuntamenteal risarcimento del danno in favore della persona offesa. 

Orbene, la depenalizzazione hatravolto così, come già accennato di diversi reati: l’ingiuria,l’appropriazione di cose smarrite, il furto del bene da parte di chi ne ècomproprietario, l'uso di scritture private falsificate e persino il  danneggiamento, tranne i casi in cui lostesso sia commesso con minaccia o violenza alla persona o in occasione dimanifestazioni pubbliche.

Può sembrare “osceno”, scusateil gioco di parole, ma anche gli atti osceni (art. 527 c.p.) e la pubblicazioni e spettacoli osceni (art.528 c.p.) non costituiscono più reato.

Sono altresì stati depenalizzati unaserie di illeciti per i quali era prevista unicamente la pena della multa o dell’ammenda.

Fortunatamente, continuano acostituire reato l’usurpazione di immobili, l’invasione di terreni o edifici,la deviazione di acque e modifica dello stato dei luoghi nonché quelli previstidalla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ambienteterritorio e paesaggio, sicurezza pubblica, giochi d’azzardo e scommesse, armi,elezioni e finanziamento ai partiti. 

E’ lecito a questo punto domandarsi sein tal modo sarà raggiunto il fine perseguito dal legislatore di deflazionareil sistema penale, rendendo più effettiva la sanzione di tipo amministrativo.

In conclusione, si spera in tal modoche, in determinati casi, tale sanzione, essendo più rapida da applicare, potràessere un maggior deterrente per il cittadino, rispetto alla lungaggine di unprocesso che non di rado conduce alla prescrizione del reato!

Avv. Filippo De Luca